BOLOGNA | Claudio Bisio in “Io quella volta lì avevo 25 anni”

BOLOGNA | Claudio Bisio in “Io quella volta lì avevo 25 anni”

BOLOGNA, 26 NOV. – “Io quella volta lì avevo venticinque anni” è stato uno degli eventi più attesi del Festival dei Due Mondi di Spoleto 2010, acclamato dalla critica e dall’entusiasmo del pubblico.

Alla fine degli anni ’90, prima della sua scomparsa, Giorgio Gaber insieme a Sandro Luporini ha scritto “Io quella volta lì avevo venticinque anni”, il suo ultimo testo in prosa che non ha mai visto il palcoscenico. Era intenzione degli autori, dopo un decennio dedicato al Teatro Canzone,  di riprendere il loro ‘Teatro d’evocazione’ che negli anni Ottanta li aveva visti protagonisti della drammaturgia italiana.

Uno spettacolo composto da sei monologhi, il cui protagonista, perennemente venticinquenne, così da essere un individuo sempre nel pieno delle sue facoltà di fronte ai cambiamenti della nostra storia, rivive un passato immaginario e rievoca avvenimenti vissuti in prima persona nelle varie epoche.

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

Una rivisitazione personale e sarcastica della Storia d’Italia dal secondo dopoguerra a oggi, passando da 10 anni in 10 anni attraverso i diversi capitoli – ‘Bella Ciao’ (anni ‘40), ‘Garden Manila’ (anni ’50), ‘Attento al tram’ (anni ’60), ‘Il filosofo’ (anni ’70), ‘L’amico’ (anni ’80), ‘Il creativo’ (anni ’90) – raccontata dal talento acre e umanissimo di Gaber e Luporini e narrata da un individuo in equilibrio tra speranza e disillusione.

Claudio Bisio sarà l’interprete di questa preziosa testimonianza, accompagnato dalle musiche eseguite dal vivo ed adattate da Carlo Boccadoro e diretto dal regista Giorgio Gallione.

Bisio interpreta il repertorio di Gaber, che è uno dei suoi “nomi di riferimento a livello artistico”, e svela con ironia e grande umanità la vicenda di questo testimone della nostra storia, un giovane uomo al confine tra giovinezza e maturità che deve affrontare, in epoche diverse, le scelte decisive, personali e politiche della propria vita.

Prevendite biglietti presso la biglietteria del teatro EuropAuditorium in Piazza Costituzione 4 a Bologna (apertura dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19), presso il Circuito VIVATICKET-CHARTA, i punti d’ascolto delle IperCoop e il Circuito TICKETONE, oltre alle prevendite abituali di Bologna e con carta di credito su www.teatroeuropa.it

Per informazioni: 051 37.25.40 –  051 63.75.199    info@teatroeuropa.it

Leave a Reply

Your email address will not be published.