Peppe Voltarelli a Salotto Muzika. L’Arteria di Bologna ospita il premio Tenco 2010

Peppe Voltarelli a Salotto Muzika. L’Arteria di Bologna ospita il premio Tenco 2010

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

BOLOGNA, 17 NOV. –  Nuovo interessante ed esclusivo appuntamento con la rassegna Salotto Muzika, organizzata dall’etichetta indipendente La Fabbrica in collaborazione con il locale Arteria (Vicolo Broglio 1/e) di Bologna.

Stasera Salotto Muzika ospiterà il cantautore calabrese Peppe Voltarelli, recente vincitore della Targa Tenco 2010 per il miglior album in dialetto, accompagnato da Finaz, chitarrista della Bandabardò e da Paolino Baglioni alle percussioni, un trio acustico per presentare le canzoni dell’ultimo lavoro del cantautore calabrese “Ultima notte a Malà Strana”.

Ci sono album suonati con molti strumenti che si reggono su architetture armoniche complesse e altri che vivono sulle note di una chitarra e di una leggera percussione. L’essenzialità degli arrangiamenti diventa qui il segno distintivo di un viaggio musicale che ha come punti fermi la voce di Voltarelli, la chitarra di Finaz (chitarrista Bandabardò e arrangiatore e produttore artistico dell’album) e la raffinata percussione di Paolino Baglioni, uniti per raccontare in maniera poetica viaggi alla ricerca di identità e impegno civile, alternando momenti intensi di ritmo e coinvolgimento ad altri intimisti e raccolti, ritmi che spaziano tra la milonga e il terzinato della taranta, parole pesanti e ironia nel classico incedere del blues meridionale.

Ultima notte a Mala Strana si è aggiudicata la Targa Tenco 2010 nella categoria dischi in dialetto. La targa vinta in passato da artisti come Fabrizio De Andrè, Pino Daniele, Enzo Jannacci e Teresa De Sio, rappresenta un prezioso riconoscimento per l’artista calabrese e il suo lavoro pluriennale sulla meridionalità e sull’impegno civile.

Alle 21.30 l’Open act con l’esibizione di Le-li.

Leli nasce nel 1981 a Vicenza ed a venticinque anni era già stanca del chiasso, della gente che urla e si dimena, stanca del rock and roll con il quale era cresciuta e così dopo anni trascorsi a girare l’Italia e l’Europa come chitarrista di Al Mandino Quitedeluxe e cantante di the Hunzikers, ha imbracciato la chitarra acustica e si è messa a scrivere canzoncine intime e sussurrate. Leli insegna musica ai bambini, è diplomata in Sitar e studia per diplomarsi in Contabbasso, si è laureata al dams di Bologna dove nel 2001 ha conosciuto il compagno di giochi John. John nasce nel 1980 a Bologna, conosce Leli all’università e prima di dar vita a LE-LI condivide con lei il progetto the Hunzikers.

Il live set alterna momenti di folk energico e ritmato a momenti di intimismo acuto, costruito attorno ai due titolari Leli e John e con l’aggiunta del polistrumentista vicentino Andrea Bergamin e del saxofonista Elia Dalla Casa. Dal vivo Leli canta e suona la sua chitarra acustica, John, come un Buskers da strada, suona contemporaneamente batteria e banjo, Andrea suona clarinetto, melodica, toy piano, organetto e glockenspiel mentre Elia copre le frequanze basse con il suo possente sax baritono.

Ingresso € 5 www.myspace.com/lafabbrica

Redazione

Leave a Reply

Your email address will not be published.