Bologna, i cittadini si fidano delle informazioni on line sulla salute

BOLOGNA, 2 NOVEMBRE – “Grazie al lavoro del nostro comitato scientifico e dei nostri medici rendiamo accessibile, anche attraverso il web, una consulenza di alta qualità sulla migliore soluzione sanitaria possibile per chi si avvale dei nostri servizi” afferma Andrea Pezzi, Direttore Generale di UniSalute.

Il 92% dei cittadini del capoluogo emiliano riconosce un’alta attendibilità a quanto viene riportato on line su temi legati alla salute. Merito di contenuti specializzati sempre più presenti ma non solo. Valore aggiunto della rete è la condivisione di esperienze.

[ad#Google Adsense][ad#HTML-2]

È quanto emerge dai dati raccolti dalla nuova indagine online dell’Osservatorio Sanità di UniSalute, commissionata all’istituto Nextplora, Compagnia del gruppo Unipol, specializzata in assistenza e assicurazione sanitaria, che ha studiato la percezione degli italiani nei confronti delle principali fonti di informazione riguardanti la salute.

I bolognesi ritengono che il web offra l’accesso a informazioni affidabili più di quanto non facciano inserti di sanità sui quotidiani e la televisione, ritenuti affidabili rispettivamente dall’81% e dal 73% del campione.

Niente di cui stupirsi se si considera che, come ha dimostrato un recente studio (presentato a Roma nel corso del convegno “la comunicazione verso i cittadini in sanità”), il 30% degli italiani utilizza il web come primario canale d’informazione sul tema salute. Sono infatti numerosi i portali e i siti gestiti da specialisti del settore che offrono contenuti e informazioni qualificate.

Sia chiaro: internet non sostituisce le pubblicazioni scientifiche specializzate, che anzi risultano essere le fonti più affidabili (in cui ripone fiducia la totalità dei bolognesi) né mette in discussione il loro ruolo, ma si affianca ad esse per affermarsi come una delle principali fonti di informazione anche in questa delicata area, un ulteriore valido canale al servizio del cittadino.

Analizzando i dati si nota come a Bologna sia ampiamente riconosciuta un’elevata qualità delle informazioni alle principali fonti che si occupano di salute.

Rilevante anche l’importanza attribuita alle esperienze vissute e raccontate da parenti e amici, che diventano una fonte di informazione altrettanto attendibile (così si esprime l’82% del campione), al di là della reale competenza riguardo ciò che viene detto e del ruolo giocato dall’emotività propria di ogni persona quando si racconta un’esperienza vissuta direttamente.

Il 46% degli intervistati si fida delle informazioni che si trovano sul web, a cui si aggiunge un altro 36% che le ritiene abbastanza attendibili ed un 10% che le trova molto attendibili.

Perché la rete riscuote così tanta fiducia? Va detto che oggi Internet offre un accesso diretto e immediato ad un’ampia gamma di contenuti qualificati. Ma forse non è l’unico fattore.

Internet è ormai il luogo per eccellenza dove si condividono esperienze. Ciò che molti navigatori oggi cercano sono i commenti e i consigli di coloro che hanno avuto, o stanno vivendo, una determinata esperienza. Informazioni che appaiono completamente disinteressate, il cui unico scopo è fornire un servizio a chi legge. È questo tipo di riscontro “emozionale” il valore aggiunto della Rete e che contribuisce a renderla un canale attraente e allo stesso tempo autorevole.

“La sinergia tra competenza scientifica, fondamentale quando si parla di salute, e la possibilità che la rete offre di raggiungere un numero sempre più elevato di cittadini è da sempre al centro della nostra attività” afferma Andrea Pezzi, Direttore Generale di UniSalute.

Sabrina Brandone - US Bolognanotizie.com

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.