Morire per amore: giovane si suicida a Bologna

BOLOGNA, 20 GENNAIO – La fine di una relazione porta con sé sempre un grande vuoto. E molto spesso accade che una relazione finita, si porta via anche la voglia di vivere e di affrontare le nuove sfide, ma anche le nuove opportunità, che quest’unica vita ci può concedere. E quando la voglia di vivere scompare, il baratro dell’inutilità del vivere spalanca le sue braccia al soggetto che ha di fronte. Forse è proprio questo senso di impossibilità di proseguire il proprio cammino di vita che ha spinto ieri pomeriggio, un giovane ragazzo di 22 anni a gettarci dal settimo piano di un’abitazione a Crevalcore.

Prova di questa frustrazione interiore è l’ultimo sms della sua vita, spedito alla sua ex ragazza: il suo ultimo addio definitivo alla vita. “Motivi sentimentali” sarebbero, secondo i primi accertamenti dei carabinieri, il movente che ha spinto il giovane, residente a Crevalcore con i suoi genitori e operaio presso un’azienda di Anzola, a lanciarsi dal settimo piano dell’abitazione di sua nonna ieri pomeriggio.

LA RICOSTRUZIONE – Dopo il lavoro in fabbrica, il giovane si era recato a pranzo dalla nonna, che abita in un palazzone di via Amendola, sempre a Crevalcore. Con la scusa di non sentirsi bene si è diretto in bagno, un ultimo sms alla sua ex ragazza, ha aperto la finestre e poi il salto nel vuoto. Inutili sono stati i soccorsi arrivati sul luogo del suicidio: il ragazzo è morto sul colpo.

I carabinieri intervenuti, hanno effettuato i rilievi del caso e hanno informato il pm Manuela Cavallo che ha appurato, nel corso delle indagini, che, nella vita del giovane, non emergerebbero altri motivi all’origine del suicidio tranne il dolore per la fine della relazione con la sua ex fidanzata, avvenuta pochi mesi fa. E l’addio alla ragazza tramite sms, sarebbe proprio la prova di quest’ultimo atto di amore folle.

Federica Palmisano

Leave a Reply

Your email address will not be published.