BOLOGNA, ARRESTATO NOTO RISTORATORE. NASCONDEVA DROGA IN INTERCAPEDINE DEL RISTORANTE FEDERICO II

BOLOGNA, ARRESTATO NOTO RISTORATORE. NASCONDEVA DROGA IN INTERCAPEDINE DEL RISTORANTE FEDERICO II

BOLOGNA, 19 NOV. Droga nell’intercapedine al ristorante “Federico II” in Via Battindarno. E’ stata sospesa temporaneamente la licenza del locale. Il ristoratore ha già ha precedenti specifici e abita sopra il ristorante. Dopo il sequestro è stato arrestato e condotto in carcere.

Ritrovata la carcassa di un topo morto, vicino allo stupefacente, per nasconderne l’odore. Non si è lasciato ingannare il cane antidroga dei carabinieri che, fiutando fiutando, ha ritrovato circa mezzo etto fra eroina e marjiuana nascoste in un’intercapedine del ristorante.

Il blitz ha portato all’arresto del titolare F.L.T., 39nne e originario di Trapani, e alla chiusura temporanea del locale, con un provvedimento di sospensione della licenza per 15 giorni.

La perquisizione è stata effettuata dai carabinieri di Borgo Panigale ed è scattata una decina di giorni fa, in seguito ad alcune segnalazioni che lasciavano ipotizzare a spaccio di droga nel locale.

Il labrador dell’unità cinofila è riuscito a scovare 27 grammi di marjiuana e 28 di eroina. La droga era nascosta in un’intercapedine, ricavata dietro un muro in cartongesso, che copriva i tubi dell’impianto di riscaldamento. Sopra la scatola che lo conteneva era adagiato un ratto morto e ormai in putrefazione. I carabinieri sospettano fosse stato sistemato per nascondere l’odore della droga.

Rita A. Cirelli

Leave a Reply

Your email address will not be published.