NUCLEI DI AZIONE TERRITORIALE MINACCIANO POLITICI E GIORNALISTI: NEL MIRINO UNITA’ E RESTO DEL CARLINO

NUCLEI DI AZIONE TERRITORIALE MINACCIANO POLITICI E GIORNALISTI: NEL MIRINO UNITA’ E RESTO DEL CARLINO

BOLOGNA, 15 NOV. – Il 12 novembre la redazione bolognese de l’Unità e de Il Resto del Carlino hanno ricevuto a mezzo posta un documento contenente minacce a politici e giornalisti firmato dai Nuclei di azione territoriale. Il gruppo è costituito dalle unità di Milano, Torino, Bologna, Lecco e Bergamo ed è intitolato alla memoria di Luca e Annamaria Mantini, due fratelli membri dei Nuclei armati territoriali morti rispettivamente durante una rapina di autofinanziamento e nel corso di un’azione antiterrorismo a metà degli anni settanta.

La “risoluzione strategica” , di quattro cartelle, afferma che “I nuovi padroni del XXI secolo, i loro servi neofascisti e razzisti, i fautori di un governo teocratico-cattolico, devono capire che i loro sforzi di consolidare il REGIME si scontrano con un’opposizione crescente, forte e, se occorre, anche violenza. Questi signori devono capire che sono vulnerabili nelle loro case, nei loro beni, nella loro organizzazione e, se occorre, nelle loro persone”.

Il documento inneggia alla lotta armata contro “il sistema”: i portavoce della Procura avvertono che ogni istigazione a delinquere o a realizzare il progetto sarà severamente punita e che il testo non va sottovalutato nè enfatizzato, ma analizzato. La Digos sta esaminando il linguaggio e i contenuti del comunicato per verificarne l’attendibilità e la possibile matrice e prenderà contatti con le questure delle altre città citate e con il Viminale.

Sara Marini

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.