Bologna, cala il sipario sul 37° congresso dell’Albo degli Ottici Optometristi

Bologna, cala il sipario sul 37° congresso dell’Albo degli Ottici Optometristi

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice PopUnder1][ad#Juice Overlay]

BOLOGNA, 2 MAGGIO – Si è concluso oggi il 37° congresso dell’Albo degli Ottici Optometristi a Bologna organizzato con la collaborazione di Federottica, l’Associazione Federativa Nazionale Ottici Optometristi.Importante l’affluenza che ha visto numeri da record superiori alle già alte aspettative.

Il numero di Congressisti registrati, infatti, ha superato le 600 persone, dimostrando anche quest’anno l’importanza del Congresso per i professionisti e per le aziende (ben 36, tra le più importanti nello scenario ottico – optometrico).

Molti i professionisti che hanno raggiunto, da tutta Italia, la città “Dotta”, oltre 80 gli  studenti delle sette università d’Italia, che hanno partecipato ai corsi scientifici formativi.

Ma il Congresso ha visto anche un momento di contatto con la città e l’utente finale. Gli studenti, infatti, hanno effettuato screening gratuiti presso la piazza Santo Stefano, tra l’interesse e la curiosità della gente. La Piazza è stata invasa da turisti e bolognesi incuriositi e interessati allo screening visivo completamente gratuito centrato in particolare sulle abilità visive alla guida, effettuato,  con la supervisione dei laureati in Ottica e Optometria, dai 20 studenti dei corsi di laurea in Ottica e Optometria, afferenti al gruppo denominato SOeO (studenti in Ottica e Optometria) ed in collaborazione con l’albo degli ottici optometristi e l’Federottica Bologna,  con e attraverso l’uso di strumentazione offerta da Essilor Italia e Frastema.

Non guidare con i paraocchi” è stato lo slogan della giornata di ieri. Sono stati, infatti, eseguiti oltre 100 test di anamnesi poi approfonditi grazie a strumentazioni altamente tecnologiche. Test completamente anonimi che serviranno per mappare la situazione visiva bolognese e italiana.

Un ottimo risultato, quindi, per un servizio che Federottica e l’Albo hanno voluto offrire ai cittadini e che caratterizza da sempre l’attività e la “vicinanza” della professione con le problematiche visive di tutti i giorni del proprio pubblico.

Il Congresso ha anche voluto fare una stima dei problemi visivi nel mondo con un focus più specifico in Italia a dimostrazione di quanto la professione sia importante e preventiva di difetti, ben il 42%, risolvibili grazie all’uso di occhiali adeguati. Questi, i dati presentati dalla dott.ssa Simona Minchiotti, Medical Officer del World HealthOrganization (WHO) e responsabile per il progetto di Prevenzione della Cecità infantile supportato da Lions club International Foundation oltre che rappresentante dell’Organizzazione mondiale della Sanità.

Ma il vero e importante messaggio è giunto dall’interno. I vertici di Federottica e dell’Albo degli Ottici Optometristi hanno affrontato l’importante tema del “salto di qualità” della Professione e del profilo dell’ottico optometrista. Un saluto di benvenuto del Presidente Velati ha dato la forza e l’incipit per una presa di coscienza comune, la coesione si è sentita e sta iniziando a dare i primi frutti. Punti essenziali sono stati affrontati: dall’inserimento della professione all’interno di quelle sanitarie all’importanza che la formazione universitaria si sviluppi ulteriormente in modo da accrescerne l’autonomia professionale dell’ottico optometrista nell’accertamento, quantificazione del problema e la relativa fornitura dell’adatto mezzo di compensazione.

Dobbiamo dunque essere uniti – ha aggiunto il presidente Giulio Velati – nel perseguire questa strada di progresso e innovazione, non inseguendo chimere, aprendoci così alle nuove frontiere della professione, nell’interesse di tutti”. Un’apertura anche sul fronte internazionale, più precisamente europeo, dove è riconosciuto il profilo dell’ottico optometrista in ben 22 paesi, e che vede nella proposta di legge Tomassini – Saltamartini un ottimo punto di partenza.

Messaggi importanti sono giunti anche dal presidente dell’Albo degli Ottici Optometristi, Rossella Fonte. “Oggi vi dico che le sfide che abbiamo di fronte sono reali. Sono serie e numerose – ha esordito il Presidente – Affrontarle non sarà una cosa facile ne rapida, ma siatene certi: Le affronteremo…. È arrivato il momento di riaffermare il nostro spirito tenace, di scegliere la nostra storia migliore, di portare avanti quel dono prezioso, l’idea nobile, passata da professionista a professionista: la promessa di perseguire un riconoscimento migliore per l’ottico optometrista. È grazie a noi, a voi che avete creato cose, avete agito e osato. C’è un grande numero di giovani a cui abbiamo fatto promesse vi abbiamo, con grande orgoglio consegnato il luogo ideale per lo sviluppo della scienza Optometrica: l’università, non solo per creare nuovi posti di lavoro, ma per gettare le nuove fondamenta della crescita culturale della professione. È un dovere verso noi stessi e verso le generazioni future”.

Un Congresso con toni forti ed importanti, destinato a lasciare una traccia indelebile in tutta la categoria.

CS Bolognanotizie.com

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.