ZECCHINO D’ORO, MAGO ZURLÃŒ RESTA AL PALO DOPO 50 ANNI ALL’ANTONIANO

ZECCHINO D’ORO, MAGO ZURLÃŒ RESTA AL PALO DOPO 50 ANNI ALL’ANTONIANO

zp style=”margin-bottom: 12pt; text-align: justify;”> BOLOGNA, 13 NOV. La 52/ma edizione dello Zecchino d’oro andrà in onda, in diretta dall’Antoniano di Bologna su Raiuno dal 17 al 21 novembre, da martedì a venerdì dalle 17.00 alle 18.45 e il sabato dalle 17.15 alle 20.00. Il programma sarà condotto da Veronica Maya e Paolo Conticini, ma è indubbia la partecipazione dello storico Mago Zurlì. Ricordiamo che Cino Tortorella è stato, niente di meno che, l’ ideatore della rassegna di canzoni per bambini.

Purtroppo, la decisione è in bilico a causa di un episodio verificatosi lo scorso aprile, quando Tortorella fece causa nei confronti dell’Antoniano per danni morali. Sarebbe la prima volta, dopo oltre 50 anni, che lo storico ideatore della rassegna internazionale di canzoni per bambini e di tanti non sarà presente.

A spiegarlo è stato Frate Alessandro Caspoli, attuale Direttore dell’Antoniano, durante una conferenza stampa tenutasi per il programma. Presente anche Cino Tortorella, in prima fila. Il conduttore, dopo essere stato in silenzio per tutto il tempo ad ascoltare, alla fine ha espresso la sua amarezza.

“Siamo in trattativa perchè Cino ci sia alla 52/ma edizione dello Zecchino e faremo di tutto perchè sia così. Finora non abbiamo avuto il nulla osta e per questo non è intervenuto alla conferenza. Cerchiamo di non fare polemica, ma c’è un ostacolo. Il signor Tortorella è in contenzioso legale con l’Antoniano che ha citato per danni morali. Stiamo cercando di risolverlo, ma finchè è così non può partecipare” – spiega Frate Alessandro Caspoli.

Tortorella sembra abbia ceduto tutti i diritti all’Antoniano. Il conduttore spiega di aver fatto causa “perchè l’Antoniano ha lasciato che la Rai cancellasse tanti loro programmi per ragazzi, ultima la Festa della mamma. Nessuno ha protestato. Volevo che L’Antoniano si ribellasse contro questi signori”.

Frate Casali è ottimista sulla partecipazione di Tortorella: “Da entrambe le parti c’è interesse a ricomporla questa cosa, ma bisogna che gli avvocati si mettano d’accordo. Spero che Tortorella sia con noi martedì prossimo, ma se non ce la faremo quest’anno sarà per il prossimo, la nostra disponibilità è totale”.

Il capostruttura di Raiuno, Antonio Azzalini, tiene a precisare: “Se si risolve il contenzioso legale cominceremo a negoziare, prima io non posso trattare con Tortorella”.

Ma lo storico conduttore sostiene: “Chi ha detto che Tortorella non ci sarà allo Zecchino d’Oro perchè è vecchio e superato?” – rivolgendosi ad Azzalini.

“Ho detto che lei è un monumento tv. Quando avevo cinque anni la vedevo con la calzamaglia nera fare il Mago Zurlì. Ora ho quasi cinquant’anni e tra un pò vado in pensione e lei è ancora qui”.

Ma la polemica non si raffredda, così Tortorella rincara: “Ho l’età del Papa e del Presidente della Repubblica e non ho la badante e il morbo di Parkinson. Ho chiesto alla Rai di poter fare quello che ho sempre fatto, fino all’anno scorso, e mi dite che sono vecchio. È la prima volta che mi trovo messo fuori”.

Rita A.Cirelli

One Response to "ZECCHINO D’ORO, MAGO ZURLÃŒ RESTA AL PALO DOPO 50 ANNI ALL’ANTONIANO"

  1. GRAZIA campostrini  2009/11/16 at 12:12

    buona giornata a tutti,
    ho letto l’articolo che riguarda la dubbia partecipazionen di cino tortorella alllo zecchino d’oro. Sono rimasta allibita.”HO L’ETA’ DEL PAPA E DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA, NON LA BADANTE E IL MORBO DI PARKINSON.”…
    Beato lei Sig. Tortorella , io ho la badante e il il parkinson , sono insegnante , lavoro non sul palcoscenico dell’
    antoniano, ma ho le mie piccole soddisfazioni nel teatro della vita. I danni morali Sig. Tortorella docremmo chiederli noi per questa infelice espressione che lei ha usato con demenziali associazioni: parkinson= demenza. Cordiali saluti grazia campostrinni.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.