Si sposano a Bologna, ma la sposa è positiva al Covid-19: 31 in isolamento Ai limiti del grottesco la celebrazione delle nozze di una coppia di sposi nel bolognese

Un giorno indimenticabile, quello delle nozze. Ancor di più per una giovane coppia che, negli scorsi giorni, si è sposata nel bolognese, a Vergato. Trentuno invitati al matrimonio sono in isolamento fiduciario poiché la sposa, operatrice sanitaria, è risultata positiva al Covid-19. 

Il matrimonio, con rito civile, è stato celebrato in Comune dal vicesindaco di Vergato, Stefano Pozzi, che ha subito tenuto a precisare che durante la cerimonia è stato assicurato il rispetto del distanziamento sociale, in una sala composta da pochi intimi, i testimoni e i genitori degli sposi. I festeggiamenti sono poi continuati in una struttura privata. La giovane coppia, fidanzata da tempo, ha deciso di convolare a nozze ma non avrebbe mai immaginato di doversi sottoporre a tampone qualche giorno dopo, durante un’attività di screening. Da lì la positività.

Il dipartimento di sanità pubblica ha poi messo in moto la sua macchina, contattando i colleghi del Veneto, regione di origine della sposa. Venti ospiti del trevigiano sono finiti in isolamento fiduciario, come dichiarato dallo stesso Governatore veneto Luca Zaia. Altri undici amici e parenti sono sotto sorveglianza a Bologna. La positività dell’operatrice non ha poi prodotto ripercussioni sulla struttura sanitaria dove lavora, attivamente in servizio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.