Maltempo Emilia-Romagna, danni a strade, aziende e case in Appennino Danni pesanti a causa del maltempo che nella notte ha devastato Bologna e provincia

Maltempo Emilia-Romagna, una notte da dimenticare tra Bologna e provincia. Strade allagate, danni ad aziende, case e negozi dal centro all’Appennino. Tutto a causa di un violento nubifragio che non ha fatto sconti, soprattutto nelle zone montane. I danni maggiori si registrano a Gaggio Montano, Castiglione dei Pepoli e Porretta Terme.

Nella zona di Porretta gli allagamenti sono stati numerosi, soprattutto tra edifici privati e negozi: l’acqua si è abbattuta con tutta la sua forza invadendo le strade. Nella zona di Granaglione invece una frana ha bloccato alcuni residenti e persone in transito sulla Strada Provinciale 55. Qui, precisamente, sarà necessaria con ogni probabilità l’evacuazione dei residenti per pericoli di ulteriori frane.

A Pallone, invece, le maggiori criticità: smottamenti del terreno sul manto stradale hanno spaventato la popolazione, dato che sul territorio si sono verificati allagamenti che hanno interessato anche alcune abitazioni ed esercizi commerciali.

Tra Pianoro e Gaggio invece molte aziende hanno denunciato allagamento. Qui sono intervenute delle motopompe per il drenaggio dell’acqua dagli edifici. Il fiume ha superato invece la soglia due a Silla, senza raggiungere fortunatamente la soglia tre a Vergato. A Monghidoro e zone limitrofe si segnalano alberi pericolanti ed altri abbattuti.

La pioggia torrenziale della notte ha costretto le autorità a chiudere la Strada Provinciale 632. Danni e disagi anche a Bologna. 

Qui un condominio è stato colpito da un fulmine, mentre i danni causati dall’acqua si sono registrati anche in altre zone del centro. Interventi anche in pianura, in particolar modo a Medicina: qui i vigili del fuoco hanno messo in sicurezza vari elementi, tra cui alberi e pali della luce.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.