UNIVERSITA’, IL NEORETTORE DIONIGI PROMETTE UNA NUOVA ERA PER L’ALMA MATER

UNIVERSITA’, IL NEORETTORE DIONIGI PROMETTE UNA NUOVA ERA PER L’ALMA MATER

BOLOGNA, 4 NOV.Il nuovo rettore dell’Alma Mater Studiorum, Ivano Dionigi, “snellirà” (obbligatoriamente, soprattutto se il nuovo disegno di legge passerà) l’università, in seguito ai tagli imposti dalla riforma Gelmini.

L’ottima intesa col Sindaco Delbono e la grande attenzione al bilancio sembrano essere i primi ingredienti fondamentali per trasformare la più antica università d’Europa nella più “nuova”. E´ cominciata un’altra epoca e prima di affrontare i nodi che dovrà sciogliere, Dionigi ricorda la sfida delle idee e della cultura, la necessità di vedere a cosa portano le riforme, di «distinguere tra i fini e i mezzi».

La riforma Gelmini parla di dodici Facoltà (Bologna ne ha 23) e di nuove funzioni per i Dipartimenti che all’Alma Mater sono 70. «Le strutture non saranno chiuse, ma ci sarà una nuova articolazione, una radicale ristrutturazione», fa sapere Dionigi, le cui priorità sono già scritte. Tra queste: il bilancio da mettere in sicurezza, i rapporti con l´esterno, la razionalizzazione e semplificazione dell’amministrazione, «una richiesta che non viene solo dai docenti, ma anche dagli amministrativi» e la valorizzazione delle risorse umane. Dopo aver riunito la prima giunta, ha fatto sapere «passato Natale partiremo con la ripresa della riforma di questo Ateneo» e ha aggiunto «occorre una radicale riduzione di tutte le strutture, dalle Facoltà ai Dipartimenti: è imposto dalla riforma, ma anche dalla diminuzione dei docenti, con il blocco dei concorsi, e dal fatto che per correre di più bisogna dimagrire. E´ un compito immane, ma l´Alma Mater è una vecchia signora che comincia ad avere le rughe, bisogna intervenire, nel rispetto della nostra specificità». Positivo anche il commento dei suoi oppositori, che promettono collaborazione critica, ma «mai attacchi personali».

Maria Elena Casadei[ad#Google Adsense Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.