Come avrebbe vissuto Maurizio Mosca la quarantena?

Maurizio Mosca
Maurizio Mosca

Maurizio Mosca per anni è stato il giornalista del popolo. Il suo mitico pendolino, le bombe di mercato e i suoi incipit hanno riempito trasmissioni televisive e divertito milioni di italiani. Oggi sono dieci anni che se ne è andato. In questo momento in cui tutto è silenzio, in cui anche il pallone si è dovuto arrendere, sarebbe servita la sua ironia e la sua carica di simpatia.

Maurizio Mosca e la quarantena

Maurizio Mosca in quarantena sarebbe stato comunque uno spettacolo. Non ce lo immaginiamo proprio chiuso in casa ed in silenzio. Senza dubbio avrebbe sfruttato i social per dire la sua. Sarebbe entrato a gamba tesa nel dibattito relativo agli stipendi dei giocatori con i suoi soliti giudizi trancianti e senza peli sulla lingua. E avrebbe certamente preteso che si tornasse a giocare solo nel momento in cui il pubblico fosse potuto tornare allo stadio. Per lui il calcio era poesia, ma anche e soprattutto divertimento. Per questo mai avrebbe accettato uno spettacolo monco e senza la gente sugli spalti. Di certo, avrebbe improvvisato qualche diretta su Facebook per intrattenere il suo pubblico in questo momento, dispensando le sue solite bombe di mercato.

L’allegria che manca

“Ho cercato di spargere allegria tra la gente”. E’ l’epitaffio che è possibile leggere sopra il marmo della tomba di Maurizio Mosca del cimitero di Bruzzano.

In questo momento al calcio manca proprio l’allegria e non certo da quando è arrivato il Coronavirus. La totale assenza di leggerezza si nota da molto prima. Si vede nelle gare, nelle interviste rilasciate dai protagonisti e da ciò che si legge sui giornali. Ecco perchè, soprattutto ora, l’inimitabile Maurizio manca ancora di più.

Lo immaginiamo in cielo con il fido amico Aldo Biscardi a dispensare battute e stilettate su questo mondo del calcio che si prende troppo seriamente e ha dimenticato che è nato non per creare profitto, ma per dare gioia alla gente. Quella gioia che Maurizio dava ogni volta che apriva bocca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.