Sarah Scazzi, Ivano Russo: “Non l’ho cercata, chiamai Sabrina”

Sarah Scazzi, Ivano Russo: “Non l’ho cercata, chiamai Sabrina”

[ad#Juice 250 x 250][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay]

TARANTO, 18 NOV. – ”Non voglio esprimere giudizi, prendere posizione o fare ipotesi: voglio solo che sia fatta giustizia per Sarah. Un messaggio per Sabrina? Nessun messaggio, ripeto: voglio solo che sia fatta giustizia”.

Ivano Russo, 27 anni, suo malgrado, dal 26 agosto è uno dei personaggi chiave della tragedia di Avetrana (Taranto).

Secondo quanto riportano fonti locali ci sarebbero stati fiumi di telefonate tra Ivano e Sabrina dopo la scomparsa di Sarah. Ivano, il cui comportamento è stato definito dagli inquirenti “sorprendente” perché non avrebbe cercato Sarah dopo la sua scomparsa, si giustifica così a News Mediaset: “Ho saputo che era sparita solo alle 17,30 del pomeriggio perché prima dormivo; non le ho telefonato perché sono stato informato che il suo cellulare era spento e mi sono costantemente tenuto in contatto con Sabrina”.

Alcuni giorni fa, ai microfoni dell’Ansa, aveva dichiarato che non vuole piu’ telecamere davanti casa e continua a dire ”no” a proposte di nuove interviste televisive. Per evitare ulteriori problemi, ha anche contattato un consulente legale ”Io ho la mia vita, voglio solo guardare al mio futuro e al progetto di aprire un autolavaggio”.

Per giorni e giorni, del resto, e’ stato piu’ volte intervistato, il suo volto e’ ormai noto a tutta l’Italia. Nelle famiglie lo chiamano solo per nome, Ivano, come si fa con uno dei tanti personaggi di un qualsiasi reality-show.

Redazione

[ad#Cpx Popunder][ad#Aruba Banner]

Leave a Reply

Your email address will not be published.