Pippo Inzaghi entra nella storia del calcio

Pippo Inzaghi entra nella storia del calcio

[ad#Juice 160 x 600][ad#Juice PopUnder2][ad#Juice Overlay][ad#Cpx Popunder]

MILANO, 4 NOV. – Anche se la doppietta non basta per battere il Real, Super Pippo entra nella storia del calcio.

I rossoneri a fine primo tempo sono sotto di uno, il gol è di Higuaìn che nel primo tempo gela San Siro. Quando le squadre rientrano in campo il pubblico dagli spalti comincia ad evocare il nome di Inzaghi, i tifosi lo vogliono in campo, è l’uomo del destino. Se si vuole puntare sul bel gioco di certo non è l’attaccante più azzeccato, ma se vuoi vincere una partita importante si sa, bisogna metterlo in campo.

E a mezz’ora dalla fine allora Allegri si decide, dentro Inzaghi e si tenta il tutto per tutto contro un Real ottimamente messo in campo da Mourinho.

Bastano 10 minuti e Super Pippo Inzaghi mette a segno una doppietta, come solo lui sa fare, due gol brutti, sporchi, uno su ribattuta ad un’uscita sbagliata di Casillas e l’altro in fuorigioco di un metro. San Siro esplode e gli esperti di calcio cominciano a farsi due conti, superato il record di reti europee di Gerard Muller a quota 69, Pippo prima lo eguaglia e poi lo supera, e superato anche il record di Van Basten di gol in maglia rossonera, con la doppietta di ieri Inzaghi raggiunge quota 125.

Poco importa se a fine partita i blancos pareggiano, l’Auxerre batte 2-1 l’Ajax permettendo al Milan di rimanere saldo al secondo posto del girone, la festa è tutta per Pippo Inzaghi e l’uomo del destino se la merita.

Valerio Loi

Leave a Reply

Your email address will not be published.