ABBY, LA 16ENNE VELISTA CALIFORNIANA RISCHIA IL NAUFRAGIO NELL’OCEANO INDIANO

ABBY, LA 16ENNE VELISTA CALIFORNIANA RISCHIA IL NAUFRAGIO NELL’OCEANO INDIANO

[ad#Juice Banner][ad#Juice Overlay]

WASHINGTON, 14 GIU. Giovedì notte, la velista americana Abby Sunderland, 16 anni, era stata data per dispersa in mare. Abby è salpata lo scorso 23 gennaio da Marina del Rey in California, per una traversata del globo in solitario senza scali, per diventare la più giovane a compiere il giro del mondo in barca a vela. Dopo una notte di angoscia, Abby risponde alla chiamata via radio dei genitori. Sta bene ed è ancora a bordo della sua “Wild Eyes” da 12 metri. E’ ancora in pericolo in mezzo a una tempesta di forte intensità, nell’Oceano Indiano meridionale, con raffiche di vento fino ai 60 nodi e onde alte oltre 9 metri.

E’ stato un aereo australiano di soccorso a ritrovarla, ha reso noto Mick Kinley, portavoce dell’Authority australiana della sicurezza marittima, precisando che l’imbarcazione Wild Eyes non si è rovesciata, ma è disalberata e sembra che la chiglia si sia distaccata. “Le è stato detto che l’aiuto è in arrivo e dalla voce sembra che sia in buona salute”, ha riportato Kinley in una conferenza stampa a Canberra. “Dovrà restare lì finché un battello francese la raggiungerà, fra circa 24 ore”. “Le condizioni meteo nell’area sono migliorate, ma restano difficili – ha concluso Kinley – con venti forti e onde di sei metri”.

Non mancano critiche dal mondo della vela: “i professionisti – si legge sul sito ItaliaVela – mettono in conto il rischio di un naufragio in Indiano, oceano difficilissimo da affrontare, e scelgono quella che, almeno in teoria, dovrebbe essere la buona stagione. Nessuna regata affronta questo percorso durante l’inverno australe”. “Ormai è una corsa spasmodica a questo record di ‘gioventù’ sul giro del mondo a vela e non si può perdere tempo – si legge sul quindicinale diretto da Cino Ricci – perché anche un mese in meno può essere fondamentale. Ora anche Abby è una star, che parteciperà a programmi e regata perché il suo nome farà ‘audience’, forse più del fratello Zac che, attualmente, è ancora in possesso del record di più giovane circumnavigatore a vela del globo”.

Cristina Reggini

[ad#Cpx 300 x 250] [ad#Cpx 300 x 250]

Leave a Reply

Your email address will not be published.