HAITI, DOPO IL TERREMOTO UN’ONDATA DI VIOLENZA. BERTOLASO CONTRO LA POLITICA DELLE STELLETTE

HAITI, DOPO IL TERREMOTO UN’ONDATA DI VIOLENZA. BERTOLASO CONTRO LA POLITICA DELLE STELLETTE

[ad#Google Adsense Banner City]

PORT AU PRINCE, 25 GENN. – A 12 giorni dal terremoto che ha colpito Haiti, l’attenzione si concentra sulla macchina degli aiuti internazionali.

Così, mentre sugli schermi delle tv americane per raccogliere donazioni sfilano personaggi ben vestiti del calibro di George Clooney e Madonna, sui luoghi della sciagura sono sempre più numerosi gli episodi di violenza e circa 1/3 della popolazione sembra non aver avuto nessun tipo di accesso ai generi alimentari, che risultano ancora accatastati nei magazzini in attesa di un adeguato coordinamento per la loro distribuzione.

In questo drammatico scenario l’idea inizia ad esser quella della presenza di «troppe stellette» inutili sui luoghi della tragedia. Così Guido Bertolaso, capo della protezione civile, intervistato da Lucia Annunziata esprime il proprio dissenso nei confronti dei programmi di soccorso. Egli constata che lo spirito che avrebbe dovuto animare gli interventi ha lasciato spazio alla voglia di apparire, di pubblicizzarsi, facendo sì che Haiti divenga teatro di una mera «fiera della vanità».

La macchina degli aiuti americani per quanto «encomiabile» non sembra avere i risultati sperati. Essi «tendono a confondere l’intervento militare con quello che deve essere un intervento di emergenza». Inoltre, manca una leadership idonea a fronteggiare situazioni simili ed un adeguato coordinamento da parte dell’Onu.

Insomma, al capo della Protezione Civile la situazione appare «patetica» e l’augurio è che questa vicenda sia l’ultima in cui «il mondo funziona in questo modo».

Da tali affermazioni, tuttavia, si dissocia il ministro degli Esteri Frattini che, facendosi portavoce del Governo, critica Bertolaso per le sue considerazioni. «In un contesto così complesso» dice «c’è bisogno della leadership americana» e «del più efficace coordinamento […] da parte delle Nazioni Unite». Frattini esprime, dunque, «il massimo apprezzamento» per l’impegno degli Usa e dichiara che ringrazierà Hillary Clinton per l’azione compiuta.

Valeria Castellano

[ad#Google Adsense 234 x 60 Right]

APPRFONDIMENTI  Caso sacchetti biodegradabili: italiani, 10 euro in meno all'anno

Leave a Reply

Your email address will not be published.